“Arte e territorio”: da sabato 18 Novembre approda “Nata alla foce” di Alessandra Bernardis

“Nata alla Foce/Sottoacqua” , installazione artistica di Alessandra Bernardis prosegue il ciclo di esposizioni del progetto “Arte e Territorio”, organizzato dall’associazione culturale ronchese Leali delle Notizie.

L’esposizione, che sarà inaugurata sabato 18 novembre alle 18 e proseguirà fino al 10 dicembre, continua l’attvità espositiva dell’associazione, promossa per dare spazio all’arte contemporanea e agli artisti del territorio.

Verrà inaugurata sabato 18 novembre alle 18 nella barchessa di Villa Vicentini Miniussi a Ronchi dei Legionari (piazzetta Francesco Giuseppe I), sede dell’Associazione Culturale Leali delle Notizie, la mostra “Nata alla foce/Sottoacqua” di Alessandra Bernardis. “E’ la continuazione di un ciclo che vuole dare risalto all’arte contemporanea e agli artisti che operano sul territorio – spiega il presidente dell’associazione Luca Perrino – Ci onoriamo di poter ospitare nella nostra sede delle mostre che sapranno dare risalto ai nostri artisti e che potranno avvicinare il pubblico all’arte contemporanea che non è sempre di semplice comprensione”. Inserita nel ciclo “Arte e territorio”, l’esposizione -installazione, che viene valorizzata dalla musica di Walther Mucchiut, sarà visitabile dal 18 novembre al 10 dicembre, aperta il mercoledì dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19, giovedì dalle 17 alle 19 e il sabato dalle 10 alle 12. Alessandra Bernardis

Alessandra Bernardis. Nata a trieste nel 1966 da padre istriano e madre croata. Vive a San Zanut, un paesino di campagna in provincia di Gorizia, lavora come educatrice. Le piacciono mare, montagne, giardino, orto, sassi, teatro d’opera, pittura, scrittura, libri, animali ed anche alcuni umani, tra i quali suo figlio. Espone i propri lavori pittorici dal 1995. Nel 2011 realizza un evento multimediale di pittura, video e poesia con Luca Geroni e Daniela Bressanutti a San Pier d’Isonzo, Gorizia. Ha realizzato eventi multimediali in collaborazione con altri artisti. Alla fine del 2014 esce l’edizione 2015 della rivista Bisiacaria, a cura dell’Associazione Culturale Bisiaca, con alcuni suoi lavori pittorici come illustrazioni e un testo critico-biografico sulla sua attività artistica scritto da Luca Geroni. Del 2015 è l’evento multimediale “Emerse menzogne/ Inabissate verità”, a Villa Sbruglio Prandi di san Pier d’Isonzo GO, in collaborazione con Luca Geroni  ed  Edoardo Rossi. 

Walther Mucchiut. Nasce a Trieste nel 1976 e già in tenera età si rivela un deciso musicofilo. Noto maggiormente come chitarrista, coltiva da sempre una vena amatoriale da compositore/cantautore e recentemente produce musica nella propria Stalla degli Strumenti esclusivamente per il piacere di farlo accogliendo chi la pensa allo stesso modo.

La mostra è stata organizzata grazie al contributo della Banca di Credito Cooperativo di Turriaco, della Tabaccheria Finatti.

Annunci

Presentato il premio giornalistico dedicato a Daphne Caruana Galizia

E’ stata presentata questa mattina nella sede dell’associazione culturale Leali delle Notizie di Ronchi dei Legionari la prima edizione del premio giornalistico intitolato a Daphne Caruana Galizia. La morte di Daphne Caruana Galizia, la giornalista e blogger maltese uccisa il 16 ottobre scorso in un terribile attentato, è stato un episodio che ha scosso duramente le persone, gli organi di informazione e gli operatori del settore di tutto il mondo. Le sue inchieste sul Malta Independent, il quotidiano che da oltre 11 anni pubblicava gli articoli della giornalista, sono state qualcosa di molto scomodo, dirompente per la criminalità e per chi, poi, ha deciso di compiere il feroce attentato. Un attentato sul quale, da ogni parte, si chiede venga fatta piena luce e che, ancora una volta, ha messo in luce il pericolo a cui vanno incontro quei giornalisti che, con i loro reportage, i loro articoli e le loro inchieste, cercano di andare a fondo su fenomeni di criminalità e corruzione. Ecco perché l’associazione “Leali delle Notizie”, in pieno accordo, con la condivisione e con il permesso fornito dalla famiglia di Daphne Caruana Galizia, ha deciso di indire un premio alla memoria della giornalista maltese e che sarà consegnato in occasione della quarta edizione del “Festival del Giornalismo” in programma dal 5 al 9 giugno prossimi a Ronchi dei Legionari. “Il riconoscimento sarà consegnato ad un operatore del mondo dell’informazione che si sia distinto, in Italia come all’estero, con le sue inchieste e le sue ricerche, anche mettendo a repentaglio la sua vita e spesso anche quella della sua famiglia” ha spiegato il presidente de Leali, Luca Perrino, che voluto anche sottolineare che “Malta non è distante dall’Italia, dove purtroppo non mancano casi di giornalisti minacciati e che sono costretti a vivere da anni sotto scorta solo per aver voluto fare onestamente il proprio lavoro”. “Il premio verrà consegnato in occasione di una serata che – ha precisato la vicepresidente Cristina Visintini – affronterà l’argomento delle minacce ai giornalisti ed anche ricorderà quanti hanno perso la loro vita sul campo, ricordando giornalisti come Andy Rocchelli o Maria Grazia Cutuli, la cui vicenda rischia di essere dimenticata”. E’ stato il segretario dell’associazione Ivan Bianchi a avviare i contatti con la famiglia, in particolare il figlio di Daphne, Matthew, che si è da subito reso disponibile per la promozione del premio. Sarà un comitato scientifico, che si formerà nelle prossime settimane e nel quale saranno presenti giornalisti e non, a passare al vaglio le diverse proposte che perverranno all’associazione “Leali delle Notizie” e, quindi, arrivare alla proclamazione del vincitore di un premio al quale, sino ad oggi, hanno dato il loro patrocinio l’ordine dei giornalisti del Friuli Venezia Giulia, l’Assostampa e la Federazione nazionale della stampa italiana. Alla presentazione del premio erano presenti, tra gli altri il sindaco di Ronchi dei Legionari, Livio Vecchiet, la presidente della Commissione cultura Erika Battistella e il consigliere comunale, Gianpaolo Martinelli.

L’associazione culturale Leali delle Notizie si è costituita nel marzo 2015 e si propone la divulgazione della cultura e dei temi legati al giornalismo, per colmare la distanza tra operatori dell’informazione e i fruitori delle notizie. Punta di diamante dell’attività è il Festival del Giornalismo che raggiungerà nel 2018 la sua quarta edizione.

Qui il video della conferenza stampa in diretta Facebook: https://www.facebook.com/lealidellenotizie/videos/165974287323895/

Conf. stampa Daphne

Un premio alla memoria di Daphne Caruana Galizia: giovedì 9 Novembre la presentazione

La morte di Daphne Caruana Galizia, la giornalista e blogger maltese uccisa il 16 ottobre scorso in un attentato, è un episodio che ha scosso le persone, gli organi di informazione e gli operatori del settore di tutto il mondo. Le sue inchieste sul Malta Independent, il quotidiano che da oltre 11 anni pubblicava gli articoli della giornalista, sono state qualcosa di molto scomodo, dirompente per la criminalità e per chi, poi, ha deciso di compiere il feroce attentato. E’ delle scorse ore la lettera che, a firma di otto direttori di giornale, è stata inviata alla commissione Ue affinchè si indaghi a fondo su questa uccisione, su questo omicidio. “L’assassinio di Daphne Caruana Galizia – si legge tra l’altro nella lettera – evidenzia il pericolo che i giornalisti devono affrontare quando vanno alla ricerca della verità. Esso dimostra anche la paura di corrotti e potenti di essere smascherati. Noi La esortiamo a ricorrere a tutti i poteri a sua disposizione per garantire che si indaghi a fondo sulla morte di Daphne e che si mandi così un chiaro messaggio di sostegno ai giornalisti che lavorano nell’interesse dell’opinione pubblica, a Malta e in tutto il resto del mondo”. Un attentato sul quale si chiede venga fatta piena luce e che, come detto, ha messo in risalto il pericolo a cui vanno incontro quei giornalisti che, con i loro reportage, i loro articoli e le loro inchieste, cercano di andare a fondo su fenomeni di criminalità e corruzzione.

Ecco perchè l’associazione culturale “Leali delle Notizie” di Ronchi dei Legionari, in pieno accordo, con la condivisione e con il permesso offerto dalla famiglia di Daphne Caruana Galizia, ha deciso di indirre un premio alla memoria della giornalista maltese e che sarà consegnato in occasione della quarta edizione del “Festival del Giornalismo” in programma dal 5 al 9 giugno del 2018 a Ronchi dei Legionari. Il riconoscimento sarà consegnato ad un operatore del mondo dell’informazione che si sia distinto, in Italia come all’estero, con le sue inchieste e le sue ricerche, anche mettendo a repentaglio la sua vita e spesso anche quella della sua famiglia.

Il premio sarà presentato ufficialmente giovedì 9 novembre 2017, alle 11, nella sede dell’associazione in piazzetta Francesco Giuseppe I a Ronchi dei Legionari.

Daphne-Caruana-Galizia

Da martedì 7 Novembre torna “Punti di contatto”

Inizia martedì 7 novembre la seconda edizione della breve rassegna autunnale “Punti di contatto”, organizzata dall’associazione culturale Leali delle Notizie e inserita nel programma di “Autunno da sfogliare…e da ascoltare”, grazie alla collaborazione Biblioteca e assessorato alla cultura del comune di Ronchi dei Legionari

Tre gli incontri che avranno quale filo conduttore il tema del “viaggio”, non solo inteso come spostamento fisico, ma anche come maturazione spirituale, esodo verso una nuova vita, percorso verso una guarigione. Un quarto incontro, unirà invece mondo della ricerca storica e mondo della narrazione di fantasia.

 

Prosegue l’attività autunnale organizzata dall’associazione culturale ronchese Leali delle Notizie. Tre più uno  gli appuntamenti della breve rassegna culturale “Punti di contatto”, previsti in tre martedì di novembre, 7,14,e 21 novembre 2017, grazie alla preziosa collaborazione della Biblioteca e dell’assessorato alla cultura del comune di Ronchi dei Legionari che hanno inserito gli incontri nel programma di “Autunno da sfogliare…e da ascoltare”. Il quarto appuntamento si terrà invece sabato 25 novembre nella sala del consiglio comunale Filo conduttore della rassegna, che è alla seconda edizione, sarà il “viaggio” inteso non solo come spostamento fisico da un luogo conosciuto ad uno meno, “ma – spiega il presidente de Leali delle Notizie, Luca Perrino – viaggio deve intendersi anche come crescita personale, scelta che determina cambiamenti di vita, moto della fantasia o anche, nel caso di una malattia, viaggio verso la riconquista della vita. Insomma viaggio in senso largo e di questo tema parleremo, partendo dalla presentazione di tre libri e affrontando poi un breve ma interessante confronto con ospiti competenti”. Il primo incontro è previsto per martedì 7 novembre alle 18.30 nell’auditorium comunale, con la presentazione del libro “51 MESI DA ALPINO SULLE ORME DI CARLO EMILIO GADDA ” di Guglielmo Esposito. Saranno presenti Maurizio Tavagnutti presidente della Federazione Speleologica Isontina, Elisa De Zan storica e ricercatrice, Mario Candotto, ex deportato. L’incontro sarà moderato dal giornalista Ivan Bianchi. Martedì 14 novembre sempre alle 18.30, ci sarà il secondo appuntamento con la presentazione del libro “IL MIO VIAGGIO” di Sergio Virginio. Saranno presenti Alessandra Kersevan responsabile della casa editrice Kappavu, Marco Taboga viaggi-autore e David Tofful, emigrato in Venezuela. Saranno moderati dalla giornalista Beatrice Branca. Terzo e ultimo appuntamento martedì 21 novembre, alle 18.30 con la presentazione del libro “IL DECIMO AMANTE” di Franco Morellato, che sarà affidata ad Annalisa Del Neri con le letture di Franco Ongaro e Alessandra Bianca del Teatro della Stropula de Mofalcon . Saranno presenti Michela Vascotto, psicologa e psicoterapeuta e Michele Luise, medico chirurgo, moderati dal giornalista Timothy Dissegna.

Legato a Punti di Contatto anche l’evento di sabato 25 novembre: nella sala del consiglio comunale, alle 18.30, ci sarà la presentazione del libro di Eleonora Antonini “LA TRILOGIA DI FAUZ. LA LEGGENDA DELLE “MOSCHE BIANCHE”. ALLA RICERCA DI FAUZ”. Un libro che mette in contatto due mondi diversi, quello storico dei Celti, che viene raccontato con il metodo della ricerca storcia e quello della narrazione di fantasia, che racconta un mondi diverso ma altrettanto affascinante. Un viaggio nel passato che entra in contatto con il presente. Converserà con l’autrice, AMERIGO VISINTINI.

Inaugurata la “filiale” ronchese di “Arte Open” – Festeggiata la “Giornata del contemporaneo” di Amaci

RONCHI DEI LEGIONARI – Cinque sedi principali, 70 artisti, 200 opere esposte. Tutto questo è “Oltre il tempo – Da Arte immagine 1987 ad Arte Open Itinerari possibili”, la ricca rassegna dedicata all’arte contemporanea e che, in questi giorni, prende il via con le inaugurazioni alla galleria “Alle antiche mura” ed alla galleria di arte moderna di Monfalcone, al palazzo municipale ed alla sala “Del Bianco” di Staranzano ed alla sala espositiva della barchessa di villa Vicentini Miniussi. Cinque realtà che racchiudono trent’anni di attività dell’associazione culturale “Transmedia Arti Visive”, un sodalizio creato da Nicoletta Leghissa e Franco Milani che ha saputo lavorare sodo e con passione in questa particolare nicchia del segmento artistico. Oggi, sabato 14 Ottobre 2017, le due inagurazioni a Ronchi dei Legionari e Staranzano, “complice” anche l’associazione culturale “Leali delle Notizie” che ha festeggiato la tredicesima “Giornata del Contemporaneo” promossa da Amaci, associazione dei musei di arte contemporanea. Alla vernice, impreziosita dalla presentazione di Cristina Feresin, erano presenti, tra gli altri, anche gli assessori alla cultura di Ronchi dei Legionari, Mauro Benvenuto e di Staranzano, Matteo Negrari, i quali hanno auspicato che si continui su questa strada e si possa permettere all’arte di avere sempre maggiori spazi ed occasioni di confronto con il pubblico. L’esposizione ronchese proseguirà sino al 5 novembre e sarà visitabile il mercoledì dalle 10 alle 12 e dalle 17.30 alle 19 e il sabato e la domenica dalla 10 alle 12. “Arte open 2017” è stata possibile grazie all’ausilio di enti pubblici e privati: Regione Friuli Venezia Giulia, Comuni di Staranzano e Monfalcone, associazione culturale “Leali delle Notizie” di Ronchi dei Legionari, associazione culturale “Ponti d’Europa” di Monfalcone, Consorzio Culturale del Monfalconese, sponsor, Fondazione Carigo, Bcc di Staranzano e Villesse, Coop Alleanza 3.0, associazioni Kud Manifest (Slovenia), “Artemisia” di Padova, “PickNitArtCafè” di Trieste, VirtualGmuseum di Gorizia, circolo Gradisc’art di Gradisca, Adesivip ed Auser di Monfalcone. La manifestazione intercomunale ideata in occasione dei 30 anni di attività dell’associazione non vuole essere un atto celebrativo, ma un momento che possa permettere anche di guardare avanti e di creare nuove occasioni si collaborazione.

“Oltre il tempo – Da Arte immagine 1987 ad Arte Open Itinerari possibili”, meeting di esposizione multimediale internazionale arriva anche a Ronchi dei Legionari

artopen

Avrà anche una “filiale” ronchese, l’evento “Oltre il tempo – Da Arte immagine 1987 ad Arte Open Itinerari possibili”, meeting di esposizione multimediale internazionale che riassume un percorso artistico lungo trent’anni, e che coinvolge una cinquantina di artisti locali, nazionali e internazionali provenienti da Austria, Slovenia, Croazia, Iraq, Danimarca e Spagna con opere grafiche, di pittura, scultura e installazion. L’evento, organizzato dall’artista Franco Milani , fondatore dell’Associazione Culturale Transmedia Arti Visive, coinvolge diverse gallerie espositive: la sala Delbianco in via Zambon e il municipio di piazza Dante a Staranzano, le Antiche mura e la galleria in piazza Cavour a Monfalcone, ma anche appunto la Barchessa di piazza Franceco Giuseppe I (piazzetta tra l’Auditorium comunale e Villa Vicentini Miniussi), sede dell’associazione culturale “Leali delle Notizie” di Ronchi dei Legionari con cui Transmedia ha avviato già dallo scorso anno una proficua collaborazione e dove Milani ha voluto portare bellissime e particolari opere grafiche di artisti internazionali. Da ricordare che la rassegna si inserisce nel calendario e nelle celebrazioni della XIII Giornata del Contemporaneo promossa da Amaci Associazione dei Musei di Arte Contemporanea. La mostra ronchese sarà inaugurata sabato 14 ottobre, alle 11 con la presentazione della critica d’arte Cristina Feresin. “E’ con particolare piacere che ospitiamo anche quest’anno una parte delle esposizioni organizzate con la sempre profonda sensibilità e attenzione di Franco Milani, che è lui stesso artista di altissimo valore. Riteniamo che la collaborazione con Transmedia sia – afferma il presidente de Leali delle Notizie, Luca Perrino – un grande valore aggiunto anche per la nostra associazione e per il comune di Ronchi stesso”. Come ricorda lo stesso Milani “la presenza e l’interazione di 5 spazi espositivi, tra le realtà di Staranzano, Ronchi dei Legionari e Monfalcone determinano una rete di connessioni culturali e linguaggi artistici, dissimili tra di loro e altamente espressivi. La manifestazione intercomunale ideata in occasione dei 30 anni di attività dell’associazione non vuole essere un atto celebrativo, ma una proiezione che non si lascia imprigionare dalla rete rigida del tempo, ma si presenta con la capacità di confrontarsi con i cambiamenti etici ed estetici del nostro tempo e di quei valori che nascono dalle emozioni”.

L’esposizione di Ronchi proseguirà sino al 5 novembre e sarà visitabile il mercoledì dalle 10 alle 12 e dalle 17.30 alle 19 e il sabato dalla 10 alle 12. Il giorno dell’inaugurazione e proprio in occasione della Giornata del Contemporaneo la mostra potrà essere visitata con orario continuo dalle 11 alle 20.

Arte open 2017 è stata possibile grazie all’ausilio di enti pubblici e privati: Regione Friuli Venezia Giulia, Comuni di Staranzano e Monfalcone, associazione culturale “Leali delle Notizie” di Ronchi, associazione culturale “Ponti d’Europa” di Monfalcone, Consorzio Culturale del Monfalconese, sponsor,

Fondazione Carigo, Bcc di Staranzano e Villesse, Coop Alleanza 3.0, associazioni Kud Manifest (Slovenia), “Artemisia” di Padova, “PickNitArtCafè” di Trieste, VirtualGmuseum di Gorizia, circolo Gradisc’art di Gradisca, Adesivip e Auser di Monfalcone.

artopen1

Viaggio nella musica…

Sarà un viaggio nella musica e nel valore dell’amicizia quello che verrà proposto sabato alle 20.30 all’auditorium comunale di Ronchi dei Legionari, dove si svolgerà il concerto organizzato dall’associazione filarmonica Giuseppe Verdi, con la collaborazione dell’associazione culturale Leali delle Notizie, il patrocinio del comune di Ronchi dei Legionarie il sostegno di Usci, Anbima e della Bcc di Staranzano e Villesse. E “Viaggio nella musica” è il titolo della rassegna che vedrà ospite della filarmonica ronchese  il coro “El castel” di Sanguinetto in provincia di Verona diretto dal maestro Francesco Donadoni. Oltre al coro veneto la serata vedrà l’esibizione del coro misto della società Verdi, diretto dalla maestra Francesca Moretti e della banda giovanile “Ottava Nota” diretta dalla maestra Fulvia Antoniali. Il concerto sarà dedicato alla memoria di Paolo “Paolino” Zonta storico corista della Giuseppe Verdi, ma anche grande amico e sostenitore della società filarmonica. “Sarà una serata che unirà i valori della musica e dell’amicizia, un incontro di voci e strumenti, ma anche di esperienze e anime diverse in un vero viaggio attraverso brani di epoche e autori diversi. L’abbiamo voluta intitolare Viaggio nella Musica-  spiega il presidente della Verdi, David Cusimano – perchè attraverso la musica ognuno di noi può viaggiare, aiutato dalla sensibilità e dalla fantasia,  in tutto il mondo e nei diversi tempi. Ringraziamo fin d’ora l’amministrazione comunale per la collaborazione e la disponibilità: per noi sono fondamentali per poter proseguire nell’attività culturale, musicale e sociale  che ci contraddistingue ormai da tantissimi anni”. Cusimano ricorda anche che il concerto rientra nella rassegna “Punti di contatto”, organizzata assieme all’associazione culturale Leali delle Notizie, dedicata quest’anno proprio al tema del “viaggio” nella sua diverse declinazioni e che prevede a novembre tre serate di incontri e dibattiti. Il Coro “El Castel” di Sanguinetto nasce nel 1974 ed è attualmente composto da una trentina di elementi. Pur non trascurando la ricerca continua del miglioramento tecnico, si distingue per un particolare aspetto: la naturale predisposizione ad instaurare un rapporto di simpatia con il pubblico che arricchisce lo spettacolo con divertimento sia in sala che sul palco. Il repertorio del Coro spazia dal classico al popolare, al folcloristico, a brani tratti da ricerche effettuate nel territorio veneto e segnatamente nel veronese. Vincitore per ben due volte al “Concorso Interregionale A.G.C.”, per nuove composizioni ed armonizzazioni,  il Coro “El Castel” vanta la partecipazione a quasi ottocento manifestazioni tra concerti e rassegne in Italia e all’estero. Dal 1999 il coro si è arricchito della presenza femminile che ha permesso di completare la sonorità del gruppo e di offrire al pubblico una visione d’insieme più gradevole. Ogni anno organizza una rassegna di rilevanza nazionale nella suggestiva cornice del cortile del castello di Sanguinetto.

coro