Riprende la nostra attività con la mostra “Marea” di Patrizia Devidè

Dopo la pausa estiva riprende l’attività dell’associazione culturale “Leali delle Notizie”di Ronchi dei Legionari. Sabato 9 settembre, alle 19 sarà inaugurata la mostra “Marea” di Patrizia Devidè, inserita nella serie “Arte e Territorio” sostenuta dal prezioso contributo della Bcc di Turriaco. Cornice della mostra d’arte sarà la sede de Leali, sita in Piazzetta Francesco Giuseppe I a Ronchi, nella barchessa di Villa Vicentini Miniussi. L’esposizione di Devidè sarà presentata dall’artista Luca Geroni. Resterà aperta sino al 1 ottobre, visitabile il mercoledì dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19, il giovedì e venerdì dalle 17 alle 19 e sabato e domenica dalle 10 alle 12. “E’ con grande piacere che riprendiamo la nostra attività con la mostra di Patrizia Devidè, artista sensibile e che ha realizzato appositamente per questo appuntamento le opere esposte. Una mostra che arricchirà il panorama artistico del territorio e che invitiamo a visitare” dice il presidente dell’Associazione, Luca Perrino che illustra anche alcuni prossimi appuntamenti. “Prima della rassegna Punti di Contatto che, come ormai consuetudine, caratterizzerà il mese di novembre e che prevede presentazione di opere editoriali, seguiti da un dibattito, per settembre abbiamo anche organizzato la breve rassegna “Ascoltare la guerra”. Si tratta di due appuntamenti di prestigio che avranno quali protagoniste le donne e la loro sensibilità nell’affrontare un tema difficile, complicato e tragico come quello dei conflitti che hanno segnato e continuano a ferire il mondo”. I due appuntamenti di “Ascoltare la guerra” si terranno nella piazzetta Francesco Giuseppe I: giovedì 14 reading di e con Elisa De Zan “Scrittrici nella bufera: la parola alle donne” (appuntamento organizzato dal comune di Ronchi dei Legionari in collaborazione con Leali delle Notizie) e venerdì 15 settembre (in collaborazione con Pordenonelegge) presentazione del libro di Anna Migotto e Stefania Miretti “Non aspettarmi vivo. La banalità dell’orrore nelle voci dei ragazzijihadisti”.

Patrizia Devidè

Nata nel 1955 a Monfalcone, Patrizia Devidè si è laureata in Lettere moderne all’Università di Trieste e diplomata nel 1982 all’Accademia di Belle Arti di Lubiana. La decisione di seguire gli studi artistici è stata determinata alla metà degli anni Settanta anche dall’incontro con Černigoj e dalle lezioni di grafica, pittura e storia dell’arte impartite dall’artista nel suo studio triestino. L’attività di Devidè si è inizialmente orientata verso una pittura astratta,con dipinti ad olio e a pastello,e si è successivamente concentrata sull’uso del monocromo,a cui l’artista attribuisce un forte valore espressivo. Dal 1995 Devidè ha iniziato a realizzare anche opere oggettuali e interventi in ambiente, in cui esprime la propria soggettività collocando nello spazio oggetti d’affezione o costruendo elementi plastici leggeri,con cui mette in relazione il suo carattere con il luogo dell’intervento.

Annunci

La nostra sede chiusa ad Agosto…ma torneremo!!!!

Vi informiamo che la nostra sede di piazzetta Francesco Giuseppe I rimarrà chiusa al pubblico per tutto il mese di Agosto. Tornerà ad essere a disposizione di soci, amici e di tutti coloro che volessero venerci a trovare da mercoledì 6 Settembre, con lo stesso orario di apertura. Ma l’associazione culturale “Leali delle Notizie” non va in ferie. In queste settimane, infatti, stiamo preparando il programma di attività che si svilupperanno da sabato 9 Settembre e che proseguirà nei prossimi mesi. Mostre allestite nell’ambito della rassegna “Arte e Territorio”, un nuovo ciclo di incontri sul tema “Ascoltare la guerra” e la seconda edizione di “Punti di contatto”. Continuate a seguirci e presto metteremo on-line il programma. Per ogni comunicazione potete inviarci una mail a: lealidellenotizieronchi@gmail.com o telefonare ai numeri 3489321162 o 3355634089.

Buona vacanza a tutti ed arrivederci!!!

ferie

Trieste Airport invita alla lettura i suoi ospiti con un servizio gratuito di book sharing

Trieste Airport ha deciso di dare spazio all’attività di book sharing allestendo presso il Moka Cafè Chef Express, al primo piano del terminal, uno spazio dedicato a tutti gli amanti della lettura. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con “Leali delle Notizie” di Ronchi dei Legionari, un’associazione culturale che promuove e organizza senza scopo di lucro, manifestazioni culturali, editoriali e artistiche. “Questa è una delle tante iniziative con cui l’aeroporto si apre alla comunità in cui opera, fornendo un’opportunità di incontro tra chi parte, chi arriva e i residenti. Lo spazio allestito consentirà inoltre l’organizzazione di eventi culturali in un ambiente di grande atmosfera.” È il commento con cui il presidente di Trieste Airport Antonio Marano ha voluto evidenziare l’interesse di questa piccola iniziativa capace di esprimere importanti valori e un approccio moderno e ricco di umanità alla promozione della cultura. Grazie a questa partnership i passeggeri in arrivo o in partenza, il personale di Trieste Airport e tutti i frequentatori dell’aeroporto potranno scambiarsi i libri facendo volare le parole verso destinazioni locali, nazionali e internazionali. Il “book sharing” consente il movimento, lo scambio e la condivisione di libri in modo divertente, semplice e gratuito al fine di promuovere l’amore per la lettura e per i libri. Una forma costruttiva di comunicazione per permettere a più persone possibile di vivere le emozioni che può dare la lettura di un libro, non soltanto consigliandolo ma anche e soprattutto donandolo. L’obiettivo di Trieste Airport e dell’associazione “Leali delle Notizie” è la creazione di una libreria sempre più ampia grazie a questo accogliente corner e alla crescente vivacità che caratterizza l’aeroporto regionale. All’iniziativa collabora anche la biblioteca comunale “Sandro Pertini” di Ronchi dei Legionari.

sdr

Leali delle Notizie al Trieste Airport partner dell’iniziativa di book sharing

Trieste Airport ha deciso di dare spazio all’attività di book sharing allestendo presso il Moka Cafè Chef Express, al primo piano del terminal, uno spazio dedicato a tutti gli amanti della lettura.  L’iniziativa è realizzata in collaborazione con l’associazione culturale “Leali delle Notizie” di Ronchi dei Legionari, un’ associazione che promuove ed organizza senza scopo di lucro, manifestazioni culturali, editoriali e artistiche. Grazie a questa partnership i passeggeri in arrivo o in partenza, il personale di Trieste Airport, e tutti i frequentatori dell’aeroporto potranno scambiarsi i libri in modo completamente gratuito. Sarà dunque possibile depositare e ritirare dei testi a titolo completamente gratuito dando vita ad uno scambio vero e proprio.

La “Fogal Refrigeration” a sostegno della nostra associazione

RONCHI DEI LEGIONARI – Le aziende investono in cultura. E sono vicine al territorio. Un esempio calzante arriva da Ronchi dei Legionari, dove la “Fogal Refrigeration”, realtà aziendale attiva da 50 anni e che opera nella progettazione e produzione di banchi refrigerati standard e su misura, ha voluto dimostrare il proprio interesse al settore culturale donando un computer all’associazione “Leali delle Notizie”. Un omaggio davvero gradito dal sodalizio cittadino che, in questo modo, ha l’opportunità di ampliare e rinnovare le proprie dotazioni nella sede di piazzetta Francesco Giuseppe primo. Una semplice cerimonia si è svolta stamane nella sede di “Fogal Refrigeration”, nella zona artigianale ronchese, presenti il titolare, Alfredo, i figli Anastasia e Pietro, il responsabile del’ufficio marketing, Marco Campisi ed in rappresentanti del consiglio direttivo dell’associazione “Leali delle Notizie”, sorta nel 2015 e che da tre anni, tra le altre cose, organizza a Ronchi dei Legionari il “Festival del giornalismo”. “Un omaggio gradito e molto significativo – ha detto il presidente, Luca Perrino – e siamo felicissimi che l’azienda Fogal ci sia venuta incontro e ci abbia aiutato. La cultura merita di essere sostenuta e non possiamo che essere soddisfatti che questo sostegno arrivi da un’azienda florida del nostro territorio”. Nata nel 1967 la “Fogal Refrigeration” parte dall’idea di Alfredo Fogal, che, con i suoi fratelli, da vita a quella che, all’epoca, era una piccola realtà. Il 1979 è l’anno del grande salto, in cui la “Fogal” diventa società di capitali ed Alfredo si pone l’obiettivo di entrare nel mercato della refrigerazione “food “con la progettazione e produzione di banchi refrigerati di concezione propria. Entrano in azienda operai e tecnici specializzati, incrementando il livello di conoscenze e competenze tecniche che permettono negli anni di sviluppare un prodotto di qualità che non tarda ad essere riconosciuto sul mercato nazionale. Nel 1998, per far fronte alla crescita nelle vendite, nella zona artigianale viene costruito il nuovo stabilimento, con nuovi uffici tecnici, commerciali e sale prove. Oggi la commercializzazione interessa tutta l’Europa e non solo, con un export che raggiunge il 90% del totale vendite e lo stabilimento, con una superficie di 4200 metri quadrati, occupa 44 dipendenti. L’azienda, inoltre, dal 2015 a oggi ha investito più di un milione e mezzo di euro in macchinari e impianti di ricerca e sviluppo, con un laboratorio e sala climatica di ultima generazione. Un modello di eccellenza della produzione “made in Italy”, dove tecnologia ed efficacia industriale si coniugano perfettamente con la tradizione artigianale e familiare. L’associazione culturale “Leali delle notizie” è nata a Ronchi dei Legionari nel 2015. Con il suo duplice significato di “Leali” vuole evocare da una parte il viaggio ed il trasporto mentale che il giornalista o il lettore provano nel redigere o leggere una notizia, e, dall’altra, richiamare la necessità di essere veritieri e corretti nell’esposizione di un fatto, di qualsiasi fatto si tratti. L’associazione, che nel giugno del 2015 è scesa in campo con una prima manifestazione, ha per fini la qualificazione, il miglioramento professionale, sociale ed artistico dei suoi soci nei campi della cultura, dello spettacolo, del turismo, dell’animazione, della comunicazione e dell’arte in generale, ma anche la realizzazione, la pratica e la valorizzazione delle iniziative e dei servizi della cultura, delle arti e dello spettacolo, nonché la diffusione e la promozione d’attività su tutto il territorio nazionale.

FOTO DI KATIA BONAVENTURA.

Il Festival continua…aperte le mostre di Giovanni Montenero

RONCHI DEI LEGIONARI – Il “Festival del Giornalismo” di Ronchi dei Legionari continua. Fino alla fine di luglio, infatti, potranno essere visitare le due mostre che vedono protagonista il fotografo triestino Giovanni Montenero. “Audace molo. Da un unico punto di vista un’inifinita variretà” è il titolo dell’esposizione che può essere ammirata al “Trieste Airport”. L’obiettivo di Montenero, in questo caso, si è fermato proprio sul molo Audace di Trieste catturando in diverse giornate ed in diverse stagioni delle immagini davvero molto suggestive. Nella saletta espositiva della sede di piazzetta Francesco Giuseppe, invece, sono presenti le immagini racchiuse dal titolo “La violenza dell’informazione” e che testimoniano la drammaticità della guerra nell’ex Jugoslavia. Il Festival ha potuto contare sui patrocini del consiglio regionale, dell’ordine nazionale e regionale dei giornalisti, dell’Assostampa, della Federazione nazionale della stampa italiana, di Trieste Airport, de Il Piccolo, del Messaggero Veneto, de Il Friuli, di Apt, del Consorzio culturale del Monfalconese, dei Comuni di Ronchi dei Legionari e di Fogliano Redipuglia, della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia. Ha potuto contare sui contributi della Bcc di Staranzano e Villesse, Bcc di Turriaco, della Despar e dell’azienda Calligaris e di Domini Legnami ed al supporto tecnico della Pro Loco di Fogliano Redipuglia e di Ronchi dei Legionari.

Gemellaggio culturale con Poggio Mirteto…ci stiamo lavorando

Leali delle Notizie sono andate in trasferta a Poggio Mirteto, un paese affascinante in provincia di Rieti, dove si svolge un interessantissimo festival del cinema, la Rassegna Grande Cinema Italiano, che si tiene nel Parco San Paolo, dal 29 giugno a sabato 15 luglio. Perchè Ronchi dei Legionari è arrivata fino in Lazio? …perchè Giuseppe Rinaldi, presidente della Provincia di Rieti e che è stato ospite della serata conclusiva del nostro Festival del Gionalismo, quando è stato affrontato il delicato e importante tema delle conseguenze del terremoto, è rimasto colpito dall’impegno della nostra associazione e ha pensato che potremmo dar vita ad un “gemellaggio culturale” con Poggio Mirteto, suo comune di residenza e di cui qualche tempo fa è stato sindaco. E l’associazione ha risposto con entusiasmo al suo invito. Con una tre giorni laziale, abbiamo quindi gettato le basi per una futura collaborazione che per ora è in via di definizione, ma che già in autunno potrebbe essere iniziativa concreta. Per ora non sveliamo nulla, ma è molto probabile che il nome di Ronchi dei Legionari possa trovare eco anche in Lazio. In questo momento però vogliamo ringraziare gli amici di Poggio Mirteto per la bellissima accoglienza e per averci dato modo di conoscere la loro realtà e la loro Rassegna, a cui facciamo gli auguri di uno splendido successo (di cui peraltro siamo certi!). Ringraziamo e abbracciamo di cuore Cristina, Giuseppe, Sabrina (che non è di Poggio ma di Rieti, ma che ci ha consentito di avviare questa amicizia e che è persona di una sensibilità e delicatezza davvero rare! Grazie Sabbbbbri!!!!)

Giusto per farvi capire….La rassegna, che è arrivata alla 26° edizione, è un vero evento culturale che promuove la nostra cinematografia e i suoi autori attraverso la proiezione dei film italiani (14 in tutto) che più hanno avuto successo nella scorsa stagione. Quest’edizione assume poi quest’anno una particolare importanza nel quadro delle iniziative culturali per un territorio così colpito dal sisma. La novità della rassegna 2017 è costituita dalla prima edizione del Location Film Festival di Poggio Mirteto, in collaborazione con Roma Lazio Film Commission, che assegnerà il premio Nuovi Sguardi su indicazione della giuria tecnica selezionata dall’organizzazione, e del pubblico presente nell’arena.

Nota personale: abbiamo potuto prendere un’aperitivo assieme a Carlo Verdone…sì, sì, proprio QUEL Carlo Verdone: un MITO!! verdone1