Andiamo in vacanza, o quasi, ma siamo già pronti per nuovi programmi e nuove iniziative

L’associazione culturale “Leali delle Notizie” di Ronchi dei Legionari informa che la sede di piazzetta Francesco Giuseppe I rimarrà chiusa al pubblico per tutto il mese di agosto. Tornerà ad essere a disposizione di soci, amici e di tutti coloro che volessero avvicinarsi all’associazione da mercoledì 4 settembre, con lo stesso orario di apertura (mercoledì dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19, sabato dalle 10 alle 12). Ma l’associazione culturale “Leali delle Notizie” non va in ferie. In queste settimane, infatti, il direttivo sta preparando il programma di attività di autunnali che si svilupperanno da settembre e che proseguirà nei prossimi mesi, iniziando dal 7 settembre con l’inaugurazione della mostra di Enzo Valentinuz, che rientra nel progetto “Arte e Territorio”. Da sabato 12 ottobre poi inizierà il programma del progetto “Seguendo il Festival…verità e false verità”, dedicato all’attuale tema del rapporto tra fake news e realtà in vari campi dell’informazione, dell’arte, della politica, dei miti. La realtà fattiva è stata ormai soppiantata da quella percepita e propagata ad arte. I fatti quindi sono diventati meno importanti delle opinioni. L’arma migliore per combattere efficacemente il fenomeno delle fake news è “accendere il cervello” fornendo strumenti per aprire la mente. Si inizierà appunto il 12 ottobre con l’inaugurazione della mostra di grafica contemporanea, organizzata in collaborazione con l’associazione culturale Transmedia Arti Visive che proporrà opere di artisti italiani, sloveni, croati, austriaci, partendo dal principio che l’arte rappresenta la verità e la realtà in termini soggettivi e non oggettivi, e quindi può mistificare la verità dandole un aspetto diverso dal reale, quasi fosse una “fake grafica. L’esposizione verrà inaugurata in occasione della 15° Giornata del Contemporaneo e rientra nel programma promosso a livello nazionale da Amaci – Associazione dei Musei di Arte Contemporanea Italiani. Sabato 26 ottobre giornata interamente dedicata alla libertà di stampa e di espressione, ma anche alla necessità di perseguire la verità dell’informazione e quindi fornire strumenti di conoscenza per “smontare” le fake. Durante un consiglio comunale aperto, si svolgerà la cerimonia ufficiale durante cui verrà riconosciuta la cittadinanza onoraria di Ronchi dei Legionari al giornalista Matthew Caruana Galizia, vincitore del Premio Pulitzer 2017 e figlio di Daphne Caruana Galizia (giornalista maltese uccisa in un attentato a Malta nel 2017) a cui l’associazione Leali delle Notizie ha intitolato il premio annuale che viene consegnato nel corso del Festival del Giornalismi di giugno. Nel pomeriggio si svolgerà un convegno focalizzato sul valore della ricerca della verità nell’informazione contro le false verità della disinformazione a cui parteciperanno lo stesso Matthew Caruana Galizia, Manuel Delia, il presidente nazionale Fnsi Beppe Giulietti, il giornalisti Sandro Ruotolo (vincitore della seconda edizione del Premio Daphne Caruana Galizia), altri giornalisti italiani che vivono sotto scorta per le scomode verità rivelate nelle loro inchieste, il presidente dell’Ordine regionale dei Giornalisti Cristiano Degano e altri rappresentanti del mondo dell’informazione e della comunicazione in un’occasione di grande importanza e valore. In serata poi ci sarà uno spettacolo con un nome di rilievo del panorama artistico nazionale. “Seguendo il Festival…verità e false verità” proseguirà con una rassegna di tre incontri che si svolgeranno i mercoledì 6, 13 e 20 novembre, alle 18.30 nell’auditorium comunale di Ronchi dei Legionari dedicati a temi su cui spesso vengono diffuse informazioni scorrette o non basate sulla realtà e verità. Mercoledì 6 novembre si partirà dalla presentazione del libro “Fake Republic. La satira politica ai tempi di Twitter” di Sara Dellabella (giornalista freelance) e Romana Ranucci (sociologa e giornalista di Italpress), un libro in cui le autrici parlano della realtà parallela dei fake account, tweet ad imitazione del politico originale, che rimodellano la politica alle nuove dinamiche della comunicazione. Mercoledì 13 novembre la serata sarà dedicata al 50° anniversario dell’allunaggio “Delle due… l’una o Luna” articolata in un confronto tra chi festeggia l’anniversario come evento storico e chi invece sostiene che l’allunaggio non è mai avvenuto. Mercoledì 20 novembre, infine, sarà la volta della serata gestita dal Cicap (organizzazione educativa, fondata nel 1989 per promuovere un’indagine scientifica e critica sul paranormale e le pseudoscienze) con un incontro su “Bufale, fake news, post-verità”.

Auguri Livio!!!! Oggi il fotografo onorario de Leali delle Notizie compie 85 anni

RONCHI DEI LEGIONARI – Da sempre è l’uomo con la macchina fotografica. Non per professione, visto che, sino all’estate del 1988, ha lavorato come impiegato alla sede di Trieste dell’Enel. Ma per passione. Forse non proprio per la fotografia in senso stretto della parola, visto che le sue “armi” sono sempre state piccole fotocamere senza pretese tecnologiche, ma per il suo territorio e per la sua gente di sicuro. Oggi, Livio Trevisan, ha compiuto 85 anni ed è stata una giornata speciale. Attorniato dal figlio Franco, da tanti amici che gli hanno dimostrato calore, affetto e stima. Quei sentimenti che, nella sala del consiglio comunale di Ronchi dei Legionari, lo hanno accolto quando il sindaco, Livio Vecchiet, gli ha consegnato una pergamena, con la quale l’amministrazione comunale gli ha voluto dire grazie di cuore per tutto quello che ha fatto, in questi anni, per la città. Non solo immoratando i vari momenti della vita ronchese, ma anche essendo sempre vicino alle istituzioni ed a tante associazioni locali. Una pergamena che sottolinea il suo amore, il suo altruismo, la sua passione ed il suo carattere estroverso e gioviale. Nonostante le tante difficoltà della vita. Nonostante la perdita, qualche anno fa, del figlio maggiore Paolo e, lo scorso anno, della moglie Mirella. Assieme al primo cittadino anche il consigliere comunale, Giovanni Del Prete, l’ex consigliere regionale ed amico, Gianni Zoff, l’ex sindaco di Fogliano Redipuglia, Mauro Piani e la vicepresidente dell’associazione Leali delle Notizie, Cristina Visintini. Con la sua “fedele” macchina fotografica, sempre al seguito, egli vive ed immortala ogni manifestazione che si svolge a Ronchi dei Legionari, fissando con l’obiettivo i volti delle persone alle quali, poi, offre spontaneamente le foto senza mai volere nulla per se. E’ stato collaboratore dell’associazione culturale bisiaca e di altre associazioni ronchesi, vicino alle parrocchie, ma anche, per diverso tempo, fautore del Galà dello sport e di tante altre iniziative culturali e non. Tra le quali quella che, per tanti anni, lo ha visto protagonista assieme alla moglie Mirella, vale a dire la “Ciclolonga de le mule bisiache” che è stato uno degli appuntamenti fissi dell’Agosto Ronchese. E’ stato Livio Trevisan, assieme a Gianni Zoff, ad aprire gli appuntamenti natalizi tanti e tanti anni orsono con l’istituzione del “Chioscheto dei magnari bisiachi” allestito in piazza Unità. Ma è stato sempre lui ad essere protagonista di tutti quegli appuntamenti che hanno caratterizzato la vita cittadina e quella dei paesi limitrofi. Non c’è stato e non c’è appuntamento, da Monfalcone a Staranzano, da San Pier a Doberdò del Lago, al quale Livio, con tutti i tempi, non si sia fatto vedere, immortalandolo con la sua macchina fotografica. Di recente, gran parte del suo patrinonio di immagini è stato donato al Consorzio culturale, proprio perchè non vada disperso e sia da testimonianza per le generazioni future. Perchè è dal passato che si costruisce il futuro. Una grande festa ha consacrato quest’importante tappa della sua vita. Con l’augurio e la speranza di vederlo sempre all’opera a catturare volti, gesta, peculiarietà e vissuto della sua Ronchi dei Legionari e della Bisiacaria.

 

Le mostre di Pietro Del Re e Giulio Magnifico ancora visitabili

RONCHI DEI LEGIONARI – La quinta edizione del Festival del Giornalismo, organizzata dall’associazione culturale Leali delle Notizie di Ronchi dei Legionari, si è conclusa, peraltro con grande successo, ma restano aperte le due le mostre fotografiche organizzate nell’ambito del Festival. Potranno quindi essere visitate fino a sabato 27 luglio la mostra “Appunti fotografici” del giornalista di Repubblica, Pietro Del Re, allestita nella sala espositiva Furio Lauri del Trieste Airport e la mostra del giovane fotoreporter Giulio Magnifico “Sguardi oltre al conflitto mediorientale”, nella sede dell’associazione in piazzetta Francesco Giuseppe I. Le grandi foto di Del Re negli ampi spazi aeroportuali vogliono rappresentare momenti diverse delle crisi del mondo. Per raccontare i conflitti che funestano il pianeta, da qualche anno Pietro Del Re, che è inviato di Repubblica, porta con sé la macchina fotografica. L’occhio del cronista gli fa cogliere, nella scelta di un’inquadratura, l’essenziale e il simbolico. Non è una coincidenza se nella tragicità di una scena o nell’emozione di un volto, questi “appunti fotografici” hanno la capacità di testimoniare e denunciare quanto le sue corrispondenze scritte. Le foto di Giulio Magnifico, nel piccolo ma suggestivo spazio di piazzetta Francesco Giuseppe, comunicano soprattutto attraverso gli occhi dei soggetti fotografati, spesso un primo piano, l’umanità di ogni soggetto o scena, che il giovane fotografo udinese coglie cercando di trasmettere sempre a chi guarda delle emozioni, curiosità o sentimenti. La volontà è quella di far “entrare” lo spettatore nella foto, per creare una tensione emotiva condivisa. Se la mostra di Del Re è visitabile ogni giorno nell’orario di apertura dello scalo aeroportuale, mentre l’esposizione di Giulio Magnifico è aperta al pubblico il mercoledì, dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19 e il sabato, dalle 10 alle 12. E’ visitabile anche durante le serate della rassegna Incontri d’estate in biblioteca.